Visualizzazione post con etichetta fondotinta. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta fondotinta. Mostra tutti i post

mercoledì 27 marzo 2013

BareMinerals fondotinta compatto della linea Ready: review

Pochi mesi fa sono uscita allo scoperto con la recensione sul fondotinta in polvere di bareMinerals, la versione Original. Ebbene sì, come vi dicevo in quell'occasione, non avrei mai creduto possibile che una polvere potesse funzionare per il mio tipo di pelle (per la cronaca ora è normale a tendenza secca, ma in passato molto più secca rispetto a oggi) ma ho provato e mi sono innamorata di bareMinerals.
Ecco, il tempo di scrivere quella recensione che Qvc decide di farmi venire un colpo proponendo, allora in anteprima per l'Italia, il fondotinta compatto di bareMinerals della linea Ready (sì, quella che viene osannata in ogni parte del mondo dalla sua uscita). 
Tempismo perfetto Ila, brava. ClapClapClap.

Potevo forse lasciarmelo sfuggire? No, e mai decisione fu più saggia. A mezzanotte e 03 lo avevo già ordinato, insieme al pennello consigliato per l'applicazione. Il tempo di dormirci su e al mattino era esaurito. Forse ho annusato bene!

Modalità logorroica: off.
Ora facciamo i seri.


Scheda tecnica:
bareMinerals fondotinta compatto linea Ready SPF20
Colorazione: R250 (leggermente rosata per me che sono NC25 nel Pro Longwear di Mac, niente di tragico, forse ci vorrebbe l'R230)
Prezzo: 25,30€ su QVC // 28,50 da Sephora
Quantità: 14gr
PAO:12M
Inci: Boron nitride, Titanium dioxide, Octyldodecyl stearoyl, Caprylic/Capric triglyceride, Glycerin, Magnesium silicate, Silica, Nylon-12, Humic acids, Rosa canina fruit oil, Jojoba esters, Corallina officinalis extract, Lecithin, Betaine, Algae extract, may contain (+/-): Mica, Zinc oxide (CI77947), Bismuth oxychloride (CI77163), Iron oxides (CI 77491, 77492, 77499)


Premessa: se siete insicure sulla colorazione trovo che acquistare certi prodotti (tipo i fondi, i correttori e in generale il make-up) su QVC sia una garanzia, perché entro 30 giorni si possono restituire anche se sono stati utilizzati, naturalmente ottenendo il rimborso.


Il fondotinta si presenta in polvere pressata. Quando si tocca la consistenza è, appunto, quella di una polvere; in realtà, una volta a contatto con la pelle, si fonde meravigliosamente bene, lasciando spazio a una texture decisamente più morbida al tocco, come se diventasse una crema, senza però diventare appiccicosa nè pesante sul viso. L'aspetto che mi ha sorpresa da subito è stata la facilità di applicazione. Io lo applico col pennello consigliato, obliquo e dalle setole sintetiche fittissime, che trovo azzeccato. Si tocca una volta sola la cialda e poi si stende il prodotto sul viso. Si sfuma senza alcuna difficoltà, trovo l'applicazione fan-ta-sti-ca. Se mi conoscete un po' sapete che utilizzo questi termini di rado, molto di rado. La coprenza è modulabile. Io trovo che si adatti ad ogni necessità o quasi, mi spiego meglio: se avete bisogno solo di uniformare l'incarnato allora una applicazione basta e avanza; se avete bisogno di più coprenza continuate a costruire il colore fin quando lo ritenete necessario. Tanto per capirci, nelle scorse settimane ho avuto una piccola macchia post brufolomortaccisua, la solita macchietta viola/rossiccia, avete capito ciò che intendo, temo. Ecco, in percentuale l'ha coperta un buon 80%, quindi una coprenza che va da leggera a medio-alta. Non un full-cover, ovviamente. Il finish è luminoso, dà vita al viso, insomma il mio preferito. Forse tra i due fondi - quello in polvere e quello compatto - ottengo più luminosità col primo nella versione Original, che rimane un ottimo fondotinta e che a questo punto preferirò in estate perché in polvere (sebbene vi abbia già raccontato di quanto si comporti bene anche in inverno).
La durata è eccellente, tanto che pur avendolo testato sia in combo con un primer che senza, tendo comunque ad indossarlo senza. Non mi lucido e non noto crolli di impalcature nemmeno a fine giornata. Tenete sempre presente che ho una pelle normale a tendenza secca, però.

So che alcune tra voi sono sensibili al boron nitride presente in prima posizione nell'inci, perciò state attente. C'era davvero bisogno di dirlo? No. Vabbè, ormai è fatta :D 

Ho amato e amo il fondo in polvere e amo anche di più questa versione compatta.
bareMinerals, vedi di non fare uscire fondi per un bel po' :D

Voi lo avete provato? Lo farete? Sì? No? Forse? Che te frega? Fatemi sapere :)
A presto!

mercoledì 6 febbraio 2013

I più usati/amati di Gennaio (makeup)

Eccomi con i prodotti di make-up più usati/amati di Gennaio. Farò una distinzione tra quelli che ho amato e quelli che ho usato di più perché alcuni si trovano in questo articolo per la sola volontà di finirli e sbarazzarmene il prima possibile. Come dire che non li sopporto più :D


Nella prima foto in alto:

Illamasqua blush duo in Lover/Hussy: ottima texture, facile sfumabilità, blush opachi ma intensi, acquisto azzeccatissimo, l'ho usato spesso.
bareMinerals fondotinta Original in polvere: in questo articolo vi ho spiegato perché lo amo così tanto.
Mac Mineralize Skinfinish Natural: usata tantissimo, specialmente da quando ho finito la mia cipria Primed & Poreless di Too Faced (statemi vicine); luminosa, leggera, perfetta.
bareMinerals Ready fondotinta compatto: non ho fatto in tempo a scrivere la review del fondo in polvere che mi è arrivato questo e ho cominciato ad usarlo all'impazzata. So bene che ho iniziato l'utilizzo solo alla fine di Gennaio, cioè da quando l'ho avuto per la prima volta tra le mani, ma è stato un colpo di fulmine e non faccio altro che indossarlo. Arriverà una recensione tra qualche settimana.
Clarins Mosaique bronzer: penso che questo bronzer sia tra i più citati sul mio blog, non faccio altro che propinarvelo in ogni articolo sui miei preferiti. Non riesco ad abbandonarlo, lo uso tuuuuutti i giorni. Al di sopra uso il blush.

Nella seconda foto troviamo:

Mascara One by One di Maybelline: bah, totale indifferenza. Finisce dritto tra i più usati ma non tra i più amati. Non vedo l'ora di finirlo, perché non fa un granché per le mie ciglia. Non incurva particolarmente, non allunga particolarmente e non volumizza particolarmente. Del tutto inutile.
Illamasqua ombretto Vernau , che mi sono convinta ad acquistare per una serie di ragioni: mi serviva un ombretto da sfumare nella piega che fosse opaco e che fosse abbastanza caldo. Questo è il tipico colore che al primo sguardo lascia indifferenti ma che torna sempre utile. La seconda ragione è che ho approfittato di un bel 60% di sconto di Illamasqua; la terza è che l'ho visto all'opera su Nikkietutorials (questa è stata la ciliegina sulla torta, ecco);
Palettina Dior 5 couleurs numero 553 élégante: questa è proprio una palettina, è davvero minuscola ma contiene alcuni bellissimi ombretti satinati che apprezzo molto. La qualità è ottima e si sfumano con facilità. Date le piccole dimensioni me la porto sempre dietro. Volete sapere dove l'ho scovata? In un cofanetto Dior che conteneva il mascara Iconic e questa chicca in omaggio;
Neve Makeup pastello nella colorazione Cedrata/Gold: ma quanto scrivono bene queste matite? Io ho la Cedrata e la Zaffiro/Indigo e sono entrambe scriventissime. Quella ritratta nelle immagini, però, è quella che ho usato di più. L'ho usata in questo look. Peccato doverla temperare spesso;
Mac matita sopracciglia colorazione Lingering: che dire? Effetto naturale, dura tutto il giorno, facile da usare. L'unica pecca è che sta per finire, sigh;
Mac Chromagraphic pencil in NC15/NW20: usata spessissimo e citata tra queste pagine ancora di più. Dura molte ore nella rima interna e illumina lo sguardo senza essere "troppa";
Matita Chanel Béryl: fa parte della nuova collezione ed è un lavanda molto chiaro; va riscaldata sul palmo della mano prima di utilizzarla, così da permettele di scrivere meglio nella rima interna, in questo modo si evita anche di insistere sulla zona e rischiare di farsi male. Illumina lo sguardo discostandosi un po' dalla colorazione più classica burro o avorio;
New CID i-fix eyebrow fixing pencil: ottima matita cerosa e trasparente, che tiene le sopracciglia ordinate e ferme; credetemi, è di grande aiuto per chi, come me, ha le sopracciglia folte. D'altra parte lo avete constatato in questo post-tutorial, dove ho perso la dignità :D ;
Too Faced Shadow Insurance: non ha bisogno di presentazioni, ho già ammesso tante volte di preferirla al ben più noto Primer Potion di Urban Decay;
Clinique Airbrush concealer: correttore in penna nella colorazione medium, ottimo per chi come me ha bisogno di un prodotto che contenga dell'arancione per contrastare le occhiaie, ma che non siano molto scure. In tal caso temo ci sia bisogno di una coprenza maggiore. Si sfuma in un secondo, non appesantisce lo sguardo e, come dice sempre Lisa, è light-reflecting :D
Mac paint pot in Idyllic: ma quanto sei bello. Rosso. Ho detto tutto. L'ho usato anche in questo look al di sotto dell'ombretto di Rouge Bunny Rouge.
Rouge Bunny Rouge, ombretto Bejewelled Skylark: bellissimo colore, ottima texture, facile sfumabilità. Insomma, un amore a forma di cialda rotonda. Ve ne ho parlato qui.

Qui sotto potete vedere l'ombretto di Illamasqua, la palettina di Dior, l'ombretto di Rouge Bunny Rouge e il paint pot di Mac aperti. 


Avevo intenzione di scrivere un unico articolo che raggruppasse sia il make-up che lo skincare e i prodotti che ho usato maggiormente per struccarmi, ma ho dovuto dividere tutto in nome del rispetto che ho per i vostri occhi :D domani pubblicherò la parte relativa allo skincare e anche qualche extra.

Nel frattempo mi piacerebbe sapere se abbiamo qualche prodotto in comune o se ce n'è qualcuno che vi piacerebbe provare :)
A presto!


mercoledì 30 gennaio 2013

BareMinerals, fondotinta in polvere versione Original: review


Quando l'estate scorsa comprai questo fondotinta minerale in polvere ero molto scettica. Volevo provare un prodotto in polvere perché per me era una novità. Pensavo si sarebbe rivelato una delusione, nonostante le infinite recensioni positive. Ho la pelle tendenzialmente secca (non secchissima come un tempo, però) e ad un certo punto mi sono detta "o in estate, o mai più; di sicuro non potrò usarlo quando farà freddo". 

Quando fuori fa così caldo da dover girare con la borsa frigo piena di ghiaccio l'ultima cosa che voglio è sentire il fondotinta sul viso. Quindi mi sono convinta ad evitare prodotti liquidi/cremosi e ho comprato il fondotinta in polvere libera di bareMinerals, versione Original nel colore Light, che è perfetto per la mia carnagione. Come riferimento, anche se forse lo sapete già, sono NC25 nel Pro Longwear di Mac.

giovedì 17 gennaio 2013

Rouge Bunny Rouge, Milk Aquarelle liquid foundation: review

Buon pomeriggio donzelle e donzelli!

Questa sarà la prima di alcune recensioni riguardanti un brand con il quale ho avviato una collaborazione a fine 2012. Per questo motivo, se lo troverò di particolare interesse, vedrete comparire qualche comunicato stampa tra queste pagine. Si tratta di Rouge Bunny Rouge, un brand che, per quanto riguarda prezzi e packaging, considero di lusso. Alexandra de Montfort è la mente dietro RBR, che nel 2006 gli ha dato vita in quel di Mosca, ma col tempo il nome si è diffuso e oggi ha una sede anche a Londra. Oggi è possibile anche acquistare dal loro sito ufficiale che spedisce in Italia.


Cito direttamente la fondatrice di Rouge Bunny Rouge circa il significato che ha per lei il suo brand:
"The poetry of our brand has an underlying wistfulness, a sort of musing nostalgia for times passed, yet something which we feel so deeply in tune with. Rouge Bunny Rouge will whisper an unheard sense of romanticism and seduction into the ear of our customers, bringing a more vibrant, magical way of living into being.”

Quando per la prima volta ho aperto un pacchettino RBR il mio primo pensiero è stato "wow", il secondo "che stile!". Il packaging è curato, molto dettagliato, direi raffinato. Richiama un'atmosfera un po' fiabesca come vedete dal logo, ma non infantile.


La nota dolente riguarda i prezzi. Se fate un giro sul sito ufficiale vedrete che il range va dai 18€ delle matite khol ai 71€ del bronzer liquido. Il fondotinta di questa recensione si attesta sui 59€. Per questo preferisco pensare che, più che un prodotto di make-up o di skincare, acquistando RBR ci si faccia uno di quei regali molto meditati (e anche molto meritati). Sapete quegli acquisti che vi fanno dire "dai, uno all'anno", come faccio io coi pennelli di Mac :D