martedì 26 agosto 2014

Il magico mondo delle chiavi di ricerca #10

Da quant'è che non pubblico le incredibboli chiavi di ricerca che conducono ignari internauti tra queste pagine? Troppo. Sempre troppo. Più chiavi di ricerca assurde per tutti, questo sarà il mio slogan. *SEEEEEHHHHH! Vuvuzela a più non posso*

Daje
  • sopracciglia lunghe - mi esponga il problema.
  • come far ricrescere le sopracciglia - concime.
  • tagliare sopracciglia con forbici indurisce il pelo? - ma va, lo rilassa.
  • come ricrescono le sopracciglia tagliate? - di notte, mentre dormi, si riuniscono e complottano per riappiccicartisi in fronte il mattino dopo.
  • come disegnare bene le sopracciglia davanti: copia da quelle dietro.
  • forbici sopracciglia: sì.
  • sopracciglia fatte male rimedi - eviterei il suicidio.
  • tengo le sopracciglia diverse come faccio a farle uguali - ripeto: con la carta carbone.  

Fetish
  • anelli di lisa eldridge - quelli anticoncezionali, immagino.
  • peletti ispidi oreccho - bella immagine, grazie!
  • beautybay conoscete - certo, compagno di banco alle medie.

La confusione
  • clio laura geller - deciditi.
  • essie roma grigio scuro blu - lo trovi sicuro.
  • quale marca ombretto - Dior! Ho vinto?
  • bradarmekup - non dirmelo.
  • indossare meteorites guerlain - non so se una jar basti per tutto il corpo, prova.
  • evribbadi test - uan, ciù, frì, foh!
  • lip butter revlon ciao - piacere mio!
  • pomeriggio in casa - non ti giudicheremo.
  • le star usano il fondotinta laura marcel? - certo, che ti credi. 

Chiuvisì
  • ma le guest in qvc quanto le pagano? - della tua ricerca apprezzo in particolare il "ma".
  • porta un amico su qvc - ok, dove ci becchiamo?
  • qvc italia ti presento un amico - ciao, io sono Ilaria!
  • delusione dopo acquisti su qvc - hai pensato allo sportello amico?

Uè, alora.
  • makeupcomulsivo bloh - oddio, era un rigurgito?

Va bene.
  • camouflage che copre molto per gli sotto occhi - guarda, se fosse gli sopra ok, ma gli sotto no.
  • cleansing polish di sigma guasto - spegni e riaccendi.
  • cosa contiene il siero per le ciglia tarte - polvere di fata.
  • come coprire barba con makeup - se la barba è nera ricopriti di fondotinta nero.
  • estee lauder e mac sono la stessa cosa - Oddio! Corro a dirlo a Signorini!
  • mac painterly cambia consistenza - sì, diventa gassoso.
Diventa sempre più difficile scegliere con cura le chiavi di ricerca per evitare di pubblicare pergamene e pergamene di roba... però un giorno troverò il coraggio per farlo XD

*porge fazzolettini*
A presto!

venerdì 30 maggio 2014

La Roche-Posay Effaclar duo trattamento anti-imperfezioni, Vichy contorno occhi Idéalia: doppia review

Ho deciso di scrivere una doppia review per due motivi. Il primo: ho ricevuto questi due prodotti per testarli e sono arrivati insieme, era scritto nel destino che fossero una bella coppia. Il secondo: li ho usati contemporaneamente. Ovvio, per zone diverse del viso.

Partiamo dal trattamento anti-imperfezioni di La Roche-Posay. Appena è arrivato ho alzato un sopracciglio (una delle mie abilità più sviluppate) perché è pensato per pelli con tendenza acneica, grasse e impure. E anche per agire sui pori ostruiti. Ora, sicuramente la mia pelle ogni tanto decide di produrre comedoni perché ciavvoglia. Ma è senza dubbio la meno grassa della galassia. Ho la pelle secca da quando sono nata, non mi lucido manco a schiaffami il burro in faccia. Ho pensato: "bene, mi si staccherà l'epidermide. Ma per la scienza, questo e altro".
E poi mi sono fatta un cicchetto per brindare.

No, scherzo.
Non ho detto la frase sulla scienza.

Ciao cipollini!


Comunque, date le premesse non mi aspettavo proprio un bel niente. 
E invece...

E invece ho iniziato ad usare la crema tutti i giorni, dopo la detersione del mattino e dopo quella della sera. E, non senza sorpresa, ho scoperto una crema leggera - come dovrebbe essere, visto a chi è indirizzata - ma mai "prosciugante". Ohibò, quanto sono forbita. Ma diciamocelo: amiche dalla pelle secca unitevi e ammettetelo, nove creme su dieci vi fanno diventare la pelle secca che manco la sabbia del deserto. A me succede praticamente sempre, perché sono fortunella. E perché amo le sfide. Ma questa crema non lo fa, questa crema is love *jingle*. Si asciuga dopo pochi secondi, lasciando la pelle compatta. Non ne serve molta, anzi. Qualche puntino di crema qua e là per il viso e siete pronte. Non ho nemmeno notato profumazioni strane. Ma la cosa bella è che nel periodo in cui l'ho utilizzata (circa due mesi, poi l'ho finita, riposi in pace) comedoni proprio non ne ho visti e, anzi, ho notato che la zona destra del mio viso, quella che si arrossa (non chiedetemi perché si arrossa solo da un lato, non mi ha mai risposto le volte che gliel'ho chiesto) si è schiarita. Per quanto riguarda i miei pori giganteschi, gnont, quelli sono rimasti tali e quali. Che gaudio.
La formula è senza alcool e senza parabeni ed è anche oil-free, cosa che mi faceva temere appunto per via della mia pelle secca. Contiene anche acqua termale lenitiva di La Roche-Posay e questo spiegherebbe il fatto che ho notato meno rossori. Mi chiedete se la comprerei? Assolutamente sì.
Ho visto prezzi tra i 13 e 18€ e la confezione è da 40ml.

Tipica foto utile.

Passiamo all'amico contorno occhi Idéalia di Vichy
Vabbè, premetto che sono una grande ammiratrice del contorno occhi - e quando mai. Mi piace proprio stendere creme e cremine in quella zona, mi sembra di fare un grande investimento per il futuro in termini di rughe. Se questo serva a qualcosa, ve lo farò sapere fra un centinaio d'anni. Ve lo dico subito: mi è piaciuto un sacco, e lo sto usando ancora dopo mesi perché non vuole saperne di finire, ne basta poco poco. La crema contorno-occhi Idéalia è di un color beige rosato piuttosto chiaro ed è più "spessa" rispetto alla crema viso citata sopra. Secondo me è come un contorno occhi dovrebbe essere, corposo ma non grasso. Visto il colore, svolge anche una leggera azione correttiva sulle ombre dell'occhiaia. Io lo stendo come se fosse un correttore, picchietto lungo tutta l'occhiaia e poi mi concentro sulla parte più esterna dell'occhio andando anche leggermente sulla palpebra, sempre picchiettando delicatamente. Il risultato, oltre che leggermente correttivo sul colore, è anche molto, molto, molto luminoso. Quindi io non uscirei di casa senza aver messo qualcosa al di sopra, prima. Per me il contorno occhi di Vichy è diventato la base perfetta prima del correttore, mi aiuta a stenderlo meglio. Se invece non voglio truccarmi ma voglio comunque mettere qualche goccia di contorno occhi, dopo devo assolutamente incipriare la zona, altrimenti è troppo vistoso per i miei gusti, è come avere un faro puntato proprio sull'occhiaia che dice guardami guardami ti prego guardami troppo. Il prodotto ha un applicatore incorporato, da cui fuoriesce la crema. Nella descrizione viene precisato che ci si può aiutare con quello per picchiettare. Ho provato, ma dopo una settimana ero ancora lì perché la crema non si asciugava più, molto meglio coi polpastrelli. E abbiamo un'altra promozione siore siori. Il contorno occhi però costa un po' di più, l'ho visto tra i 23 e i 25€ e ci sono 15 ml. Però vi dura quindici paia di occhi.

Vabbè, s'è capito che mi sono piaciuti. 
Voi usate creme mirate a risolvere problemi ben precisi o ve ne fregate altamente come la sottoscritta in tempi passati? E siete fissate col contorno occhi come me? Non fatemi sentire sola e pazza.
Grazie. VIVIBI.
A presto!
Effaclar Duo è il trattamento anti-imperfezioni correttivo e purificante di La Roche-Posay, concepito per agire simultaneamente sui due segni della pelle giovane e a tendenza acneica: imperfezioni severe e pori ostruiti.
Effaclar Duo è  caratterizzato da una carta di formulazione severa: senza alcool, senza coloranti, senza parabeni, oil-free, non comedogeno. Contiene acqua termale lenitiva e anti-rossori di La Roche-Posay e vanta tollerabilità ed efficacia dimostrate su pelle a tendenza acneica. - See more at: http://www.larocheposay.it/Questo-Mese-si-parla-di/EFFACLAR-DUO-TRATTAMENTO-ANTI-IMPERFEZIONI-LA-ROCHE-POSAY.aspx?pag=1#sthash.20MkeyWv.dpuf
Effaclar Duo è il trattamento anti-imperfezioni correttivo e purificante di La Roche-Posay, concepito per agire simultaneamente sui due segni della pelle giovane e a tendenza acneica: imperfezioni severe e pori ostruiti.
Effaclar Duo è  caratterizzato da una carta di formulazione severa: senza alcool, senza coloranti, senza parabeni, oil-free, non comedogeno. Contiene acqua termale lenitiva e anti-rossori di La Roche-Posay e vanta tollerabilità ed efficacia dimostrate su pelle a tendenza acneica. - See more at: http://www.larocheposay.it/Questo-Mese-si-parla-di/EFFACLAR-DUO-TRATTAMENTO-ANTI-IMPERFEZIONI-LA-ROCHE-POSAY.aspx?pag=1#sthash.20MkeyWv.dpuf

domenica 4 maggio 2014

Nabla correttore under-eye concealer: il mio punto di vista

Negli ultimi dieci mesi il mio modo di truccarmi si è trasformato radicalmente: molti più prodotti per la base, molti blush, molti bronzer leggeri e molti rossetti vibranti. Il poco tempo a disposizione non mi concede di giocare con le sfumature degli ombretti come vorrei, ho dovuto accantonarli un po'.

Nabla under-eye concealer 1.0 e 2.0
Questo mi ha permesso senza dubbio di provare un sacco di prodotti per il viso: fondotinta, ciprie e correttori. Al momento sto testando la nuova cipria di Rouge Bunny Rouge e gli under-eye concealer di Nabla. Nel caso non vi avessi ancora ammorbate a sufficienza col brand di Daniele, non perdetevi le mie perle di saggezza qui di seguito, ché guai. 

Vediamo un attimo come vengono descritti i correttori sul sito ufficiale:
Correttore cremoso a lunga tenuta che si stende facilmente per fondersi con la pelle in un finish semi-vellutato e luminoso. Formulato pensando alla zona delicata del contorno occhi per non appesantirla e mantenerla costantemente idratata. Sfumando poco prodotto le occhiaie vengono coperte in modo naturale con un effetto liscio ed impalpabile. Modulabile per una maggiore copertura. Disponibile in tre colorazioni dal sottotono aranciato efficaci su ogni tonalità di pelle.
• Texture cremosa e a lunga tenuta, a prova di pieghe.
• La Vitamina E garantisce una protezione antiossidante.
• Formula naturale senza: siliconi, petrolati, parabeni, pegs, ftalati, edta.
• Dermatologicamente testato.
• Adatto a pelli sensibili.
• Formulato per ridurre al minimo il rischio di allergie.


Quando ho provato il correttore per la prima volta ho avuto la sensazione che fosse sì cremoso, ma non di quei cremosi fastidiosi. Oggi sento che l'italiano mi appartiene. Ok, cerchiamo di tradurre: non so se avete presente il Salmon Concealer di Eve Pearl che avevo recensito qui. Ecco, anche quello è un correttore cremoso, ma rimane più "spesso". E la cosa mi urta, pur rimanendo un buon correttore. Quel tipo di cremosità io la definisco fastidiosa. Inoltre il Salmon Concealer rimane lucido se non si incipria. Perché devi brillare, o correttore? (vi pregherei di apprezzare il vocativo)
Ecco quindi il primo punto a favore di Nabla: cremoso ma dall'effetto semi-opaco. Cremoso, ma non pastoso. Goduria. Fatemi abbracciare quell'uomo.
Parliamo poi della pigmentazione e consentitemi un'espressione degna di una donna seria: porca zozza. Una passata copre tutto. Faccio anche qui un breve confronto: con correttori come il solito Salmon Concealer e anche il Select Moisturecover di Mac (che ho comunque amato alla follia) devo stendere un primo livello di prodotto e poi aggiungerne ancora. Con il cuginetto Nabla NO. Anzi vi dirò che ne basta anche meno rispetto a tutti quelli che ho provato e nel gruppo, oltre ai due già citati, infilo anche lo Studio Finish Concealer di Mac, il Lasting Perfection di Collection e l'Airbrush Concealer di Clinique. Attenzione attenzione: sono correttori a cui voglio molto bene ugualmente, ma bisogna fare le giuste precisazioni. Preciso tra l'altro che costa 8,50€ qui, prezzo che trovo più che onesto.
Pieghette, queste (s)conosciute: non va nelle piegheeeee! NON VA NELLE PIEGHE. Tirate fuori i cartelloni, gente: NON VA NELLE PIEGHE. Mentre scrivo mi esce una lacrimuccia. Niente, non ci va, lo sto usando da almeno due settimane fisse, tutti i giorni dalle sette (e in alcuni casi dalle cinque) del mattino e fino a sera lui se ne sta lì e copre, sta zitto e non ha pretese. Ma soprattutto: non invecchia, non si asciuga con l'andare delle ore trasformandovi da Barbie alla strega stronza di Biancaneve (versione old). 

Un po' di confronti in termini di colorazione: 1.Mac Prolongwear concealer Nw20 - 2.Benefit Erase paste light - 3. Nabla 1.0 - 4. Nabla 2.0 - 5.Mac Studio finish concealer Nw25 - 6.Mac Studio finish concealer Nc30


Metodi di applicazione: picchiettando con le dita già va benissimo, io però mi trovo molto meglio con un pennello sintetico a setole fitte come il Deluxe crease brush di Real Techniques. Si sfuma benissimo, non rimane a chiazze, nonostante si vada al di sopra con un pennello che spesso "ciuccia" (noto tecnicismo) il prodotto, la pigmentazione non ne risente affatto. 
Per quanto riguarda me, che in genere uso Nw20/Nw25 per le occhiaie, va benissimo la colorazione 2.0, quella intermedia. Le tre colorazioni disponibili contengono tutte dell'arancione all'interno, per cui è particolarmente adatto a contrastare le zone bluastre dell'occhiaia.
Ma poi, che dire della durata. Ripeto: li uso a volte anche a partire dalle cinque del mattino e la sera lo ritrovo lì. 
Sono veramente sconvolta perché credo di aver trovato il mio correttore perfetto. Non pensavo ci sarei mai riuscita fino all'estrema unzione, pur amando molti correttori. Ammetto che mi piacerebbe molto che Nabla mi pagasse per ogni bell'aggettivo utilizzato in questa review, ma non è così. Io amo questo correttore, e probabilmente lo comprerò finchè campo.

In breve: Daniele, se vuoi sposarmi (o truccarmi, vedi tu), io sono disponibile.
Risp. 

Bene, ora tocca a voi dirmi se avete già provato questi correttori, se vi ispirano, se non vi sono piaciuti, se sì, se boh. 
A presto!

martedì 11 febbraio 2014

Apivita - Natural serum, Hydration with aloe and hyaluronic acid: review

Hellou evribbadi, sono un siero fenomenale che evita spellacchiamenti e tira su il morale della pelle.
Fate voi.


Allooooora.
Da dove comincio?

Comincio da molti lustri mesi fa, quando tra i prodotti Apivita che ricevo spunta anche questo Natural Serum idratante con aloe e acido ialuronico (ne esistono altri quattro: Radiance, Line reducer, Lifting, Firming and Restoring). Ora, non so se lo sapete, ma io coi sieri, così come con i rossetti, perdo la ragione.
Mi piacciono perché non ungono e una goccia è sufficiente per il viso; odio con tutta me stessa sentire la pelle appiccicosetta, posso tollerarlo appena appena durante l'inverno ma è una cosa che mi fa stare a disagio durante la giornata. 

"Oddio, ciao! Quanto tempo! Come stai?!" [bacetto sulla guancia e inevitabile FCHH FCHH di pelle incremata - aiuto] 
IO DICO NO A TUTTO QUESTO.

Beh, avendo la pelle mista a tendenza secca, capite bene che di idratazione ne ho bisogno. In particolare ho il naso che si spella un giorno sì e l'altro pure - non so perché. Lo fa e basta.  Don't ask

Credo di non avere mai trovato un prodotto che risolvesse la cosa, eccetto le creme molto, molto, molto pesanti (vedi bacio appiccicoso sopra). Oppure i sieri. Al plurale perché l'altro compare veramente valido è quello di Alpha-H di cui ho parlato qui. Ma che io sbavi su Alpha-H ormai lo sa pure il mio portachiavi.

Comunque sono qui per parlare di Apivita: questo siero si asciuga velocemente e idrata alla grande, potrei tranquillamente uscire senza aggiungere altro sulla pelle, ciò significa che è veramente idratante, perché è vero che ho la pelle mista, ma le zone che sono secche non sono normali, no. Sono zone desertiche. E quindi.
Lui mi ha salvata da un periodo in cui la mia pelle aveva molta sete, tirava continuamente, è ovvio che c'era qualcosa della mia routine che non andava bene in quel momento, metteteci anche un po' di stress o l'alimentazione, il periodo freddo, quello che volete. Un insieme di cose. Il miglioramento l'ho trovato da subito e in breve tempo è diventato parte della mia routine di skincare quotidiana. Onestamente non ho sentito il bisogno di applicarlo due volte al giorno, ma solo al mattino dopo la detersione. Era da tempo che non notavo un netto miglioramento in termini di idratazione.

Il siero si presenta bianco, ma è del tutto trasparente una volta steso e non lascia zone lucide. La pelle è semplicemente asciutta ma idratata. Goduria. Se poi vogliamo aggiungere che non contiene schifezze credo che possiamo eleggerlo sommo septon di tutti i sieri. 15ml costano 32€. Lo so che non è poco, ma è un siero e quindi: 1) i sieri in genere costano una cifra; 2) mezza unghia va bene per tutto il viso: vi dura qualche mese almeno. A me tre circa.


L'acqua normalmente presente tra i prodotti di questo tipo viene sostituita da Apivita con un'infusione di the verde. Ora, parliamone. No perché io non sono una scienza sotto alcun punto di vista, figuriamoci quando c'è da parlare di inci. Ma sostituire l'acqua col the verde non può essere una brutta cosa, giusto? (qualcuno annuisca)
Forse è proprio questo che lo rende ancora più idratante. Non credo di essere l'unica nella via lattea a cui si spacca la pelle dopo essersi sciacquata con semplice acqua. E ricordo bene una lezione a scuola di trucco durante la quale ci è stato spiegato che la pelle secca non ha bisogno di acqua - che la secca ulteriormente - bensì di olii idratanti. Lo so, mi emoziono con poco. Beh, ad ogni modo in questo prodotto c'è un'infusione di the verde, che tutti (persino la sottoscritta) sanno essere antiossidante. Schifo non ci fa.

E poi non ci sono parabeni, e nemmeno siliconi. Insomma, è simpatico. Qui c'è la sua paginetta.
Io gli ho voluto bene, mi è dispiaciuto doverlo salutare. 
Aiutatemi.

Io ve lo consiglio, e se non dico il vero mi si secchino i mascara.
Avete provato i prodotti Apivita? :-)
A presto!

lunedì 3 febbraio 2014

Nabla: swatches, confronti, riflessioni - il ritorno

Grazie a Nabla in tempo zero ho perso ogni parvenza di dignità.
Tipo che avevo deciso di non comprare make-up fino ad avvenuta sepoltura. E l'ho anche scritto. Avevo anche pensato di fare incidere sulla mia lapide "pensavate che non ce l'avrei mai fatta. E invece, toh."

E invece 'sto par de ciuffoli.

In un secondo mi sono infatuata di quasi tutto il menù e ho comprato qualche prodotto, con la promessa che non avrei più speso nulla (cèèèrto).

Ecco cos'è successo: al team Nabla (team Nabla fa un po' The Apprentice, ora che ci penso) è piaciuto il mio articolo. Lo hanno linkato sulla loro pagina Facebook (quiquiqui) e fu così che mi sommersero di visualizzazioni. Oltre a questo bellissimo regalo, qualche giorno fa un regalo altrettanto bello (travestito da pacco gigante) bussa alla mia porta. Oggi sono a casa dalla mia adorata macchina fotografica e nonostante il tempo non sia clemente sono riuscita a fare qualche scatto.

Vi faccio vedere gli swatch degli ombretti, in saldo fino a domani, e sentirmi meno in colpa per il magazzino dell'azienda che presto svuoterò (vedi promessa fatta a me stessa poche righe fa).

Mi schiarisco la voce.
Orbene, come forse già sapete qualche settimane fa ho comprato alcuni ombretti, tra cui Interference e Aphrodite. Ve li ripropongo accanto ai nuovi arrivati: Atom, Glitz, Caramel, Nocturne, Atmosphere e Extravirgin.

Lo scopo di questo post è mostrarvi gli swatch degli ombretti in questione e fare qualche confronto cromatico con altri presenti nella mia collezione. 'Nnamo!



Come si legge 'sta foto?
  • Collage, primo riquadro in alto a sinistra:
Da sinistra Atom, Interference, Nocturne.
Atom è un illuminante satinato a mio parere discreto nonostante non sia opaco e io tenda a non usare mai finish diversi da quest'ultimo sotto l'arco delle sopracciglia. Il sottotono è neutro, cosa che lo rende versatile e accostabile a tonalità sia calde che fredde.
Interference è un grigio freddo con riflessi malva-azzurrati. Guardandolo mi viene in mente la parola "elegante". Lo avevate già visto qui e lo trovo uno dei colori più interessanti nel range per ora disponibile.
Nocturne è un nero opaco che ho solo avuto modo di swatchare su mano per ora. Mi è sembrato vellutato e per nulla polveroso. 
  • Collage, riquadro in alto a destra:
A sinistra Aphrodite, a destra Atmosphere.
Aphrodite lo avevate visto qui ed è un corallo-rame caldo. Per quel che mi riguarda non è affatto un colore facile da trovare in giro, nella mia collezione non ho trovato plausibili dupe ma è inutile che vi stia a dire quanto mi piace. Io e queste tonalità ci vogliamo molto bene.
Atmosphere è un verde acqua con accenni dorati; è proprio questo riflesso caldo che me lo rende simpatico nonostante la tonalità non sia pienamente nelle mie corde. Molto luminoso, farò qualche esperimento provandolo sopra la matita nera Rocky per esaltarne ancora di più il colore e la brillantezza.
  • Collage, riquadro in basso a sinistra:
In basso Caramel, in alto a sinistra Glitz, in alto a destra Extravirgin.
Caramel è l'amore. Sì, è quello'ombretto che quando lo vedi non ti esalta per colore e riflesso (è opaco, indi...), anzi forse ti fa anche sbiascicare un pigro "meh". E qui ci frega. Volete un colore di transizione che vi aiuti a sfumare altri ombretti? Lui. Volete qualcosa di più freddo? A giudicare dalle immagini direi che la sua controparte fredda è l'ombretto City wolf (ti sto guardando e ora ti compro - vedi sempre promessa in alto). L'ho paragonato al mio amato Vernau di Illamasqua (foto sotto), di ottima qualità ma decisamente più caro (15.50£ contro 6.50€ non scontati. Al momento l'ombretto Nabla in promozione costa 5.53€).
Glitz sul sito viene descritto come un bronzo medio dalle note marroni e ambrate. A vederlo sembra simile a moltissimi altri ombretti, al primo sguardo ho ripensato subito alla prima Naked di Urban Decay e così l'ho tirata fuori, per poi constatare stupita che può ingannare ma non è uguale a nessuno di quelli. Non mi sono arresa e ho preso Bronze e Woodwinked di Mac. Niente da fare: Glitz è più caldo di Woodwinked, più scuro di Half baked e più chiaro di Bronze. Ma potrebbe essere figlio di questi ultimi due, se si accoppiassero :) (foto sotto)
Extravirgin è un verde oliva e anche lui mi ha fregata. Sto seriamente pensando di tornare dall'oculista o di curare la mia memoria visiva, ora ci rifletto su. A vederlo mi è venuto in mente Abyssinian catbird di Rouge Bunny Rouge. No ragazzi, non c'entra una fava. La versione di RBR è meno verde e più dorata.  E se posso permettermi una considerazione, per quanto io abbia trovato la texture di tutti i refill Nabla deliziosa, questo Extravirgin ha una marcia in più in termini di morbidezza e pigmentazione. Al momento mi viene da dire solo "cioè, uau". 
  • Collage, riquadro in basso a destra:
Aphrodite, Atmosphere, Caramel, Glitz e Extravirgin tutti insieme appassionatamente.

E ora i confronti!
Vernau di Illamasqua vs Caramel di Nabla
A sinistra Vernau di Illamasqua, a destra Caramel di Nabla.
Di Vernau ho fatto e faccio ampio uso per le sfumature di transizione tra un ombretto e l'altro, lo uso però solo insieme agli ombretti caldi o neutri. Sono entrambi opachi; avendo usato Vernau molto posso giurare sulla sua ottima qualità mentre per quanto riguarda il fratellino Caramel non posso ancora sbottonarmi. Posso però dire che ho fatto prove di sfumabilità con entrambi e sotto quel punto di vista mi sono sembrati simili. Per quanto riguarda la pigmentazione, invece, quelle che vedete in foto sono due passate di Vernau e una sola di Caramel. Quest'ultimo è anche un po' più caldo e più chiaro.

Glitz di Nabla vs Woodwinked di Mac, Half baked di UD e Bronze di Mac
Swatches: da sinistra Woodwinked (Mac), Glitz (Nabla), Half baked (UD), Bronze (Mac)

Si capisce subito che mi sono illusa. Tra i miei ombretti simili a Glitz pensavo di trovarne uno molto più somigliante e invece no. Non ho veri dupe, siore e siori! Sono però tutti simili in termini di finish.

Extravirgin di Nabla vs Abyssinian catbird di Rouge Bunny Rouge
A sinistra Extravirgin, a destra Abyssinian catbird
Coraggio, diciamolo tutti in coro. Quanto sono belli 'sti due, eh? Quanto? Ma quanto ti amo? Non lo so, ma tanto. *sospiro* Anche qui si nota la miopia galoppante che mi porto appresso da circa venti e passa anni. Sebbene siano entrambi classificati come verde oliva, trovo che la versione di RBR sia "un po' più oliva" di quella Nabla. Il linguaggio aulico che uso è imbarazzante.

La cosa simpatica è che mentre facevo foto in questa giornata - già di suo - deprimente a livello cromatico (luce color toporagno) ed ero pronta a scattare foto ai liquid tech blush che ho ricevuto insieme agli ombretti, una nuvola gigantesca ha oscurato il mondo, questa volta rendendo la luce color pantegana (cioè qualche tonalità più scura di quella toporagno).
Ho deciso che porterò la fotocamera con me a Milano domani e tenterò la sorte, sperando che qualche raggio solare riesca a raggiungere la mia postazione prima che escano le collezioni autunnali.

Nel frattempo spero che questi confronti vi siano utili e ne approfitto per ricordarvi che fino a domani gli ombretti e i blush Nabla sono in promozione.

IO NON HO DETTO NIENTE.

(Ma sarei curiosa di conoscere la vostra opinione)
A prestissimo!

martedì 14 gennaio 2014

Il magico mondo delle chiavi di ricerca #9

Mi sembra passata un'eternità dall'ultimo post sulle chiavi di ricerca. Questa puntata non so proprio come commentarla, se non con un gigantesco "Mah!" :D

Pronte?!


Pelo più, pelo meno
  • come accorciare le sopracciglia - premi il tasto rosso del tuo decoder HD.
  • come faccio con le sopracciglia mentre non crescono? - un sudoku?
  • le sopracciglia vanno tagliate? - va a gusti, io le preferisco avvolte tipo sciarpina. 
  • le sopracciglia perfette - queste sconosciute.
  • perchè sopraciglie crescono lunghe - questo e molto altro domani nell'approfondimento del TG5 in seconda serata.
  • sopracciglia perfette con lo scotch - buona idea, così non si spettinano col vento.
  • come farsi da sola le sopracciglia uguali - con la carta carbone.
    non riesco a colorare le sopracciglia uguali cosa posso fare - nel senso che una la fai bionda e una nera?

De gustibus
  • blush mac cremoso come si mette - coltello, pan carré, et voilà.
  • dispensa sopracciglia - uh, carina. Ma non è che si impolverano le sopracciglia sugli scaffali?
  • estetistarovereto che mi definisce le sopracciglia con ceretta - anvedi 'sta stronza.

C'est pas moi.
  • makeup ossessivo compulsivo - chi, io?

Chiù Vì Sì
  • non vedo qvc - hai la frangia davanti agli occhi.
  • qvc che schifo tutto in jersey - ma che merda oh.
  • qvc il tsv di oggi puo brucciare i capelliqvc il tsv di oggi puo brucciare i capelliqvc il tsv di oggi puo brucciare i capelliqvc il tsv di oggi puo brucciare i capelliqvc il tsv di oggi puo brucciare i capelliqvc il tsv di oggi puo brucciare i capelliqvc il tsv di oggi puo brucciare i capelliqvc il tsv di oggi puo brucciare i capelli - non lo so prova non lo so prova non lo so prova  non lo so prova non lo so prova non lo so prova non lo so prova non lo so prova non lo so prova.
  • porta un amico in qvc - tivibi.

Ai spik inglish veri uéll
  • opinioni sui prodotti di alfha y di q v c - alfa yeah.
  • praimer chanel con pennello - il praimer di scianel c'è anche senza pennello, se vuoi.
  • correttori per vityiligine - che si legge "vitai-li-gin". Mi piace la tua internascyonalità.

Ti amo
  • ilaria makeup compulsivo blogger - sono commossa. Grazie *___*

Mumble
  • la dominante cromatica fondotinta - solo nelle migliori librerie.
  • dove possotrovare la data di scadenza dei prodotti apivita - hai presente la scatoletta?
  • kanebo sensai qualità e amore - e sole e cuore.
  • labell bronzante poudre prezzo - rifiuto e vado avanti.


Noto sempre che le sopracciglia vanno forte, a quanto pare è uno dei punti di domanda maggiori. Io non sono di certo la Tilbury, ma avevo creato una sorta di guida dei passaggi che faccio io per aggiustarle a questo link.

Per il resto, mi fanno impazzire quelle chiavi di ricerca di denuncia sociale, tipo "bleah che schifo la crema di mia nonna" o "allucinante i maglioncini di zara sono fatti in piazza stacippa". Mi lasciano sempre con un grande "?" in testa. Vorrei lavorare in Google solo per poterle tracciare tutte XD

E a voi?
Cosa vi fa spanciare? :D

A prestissimo!

giovedì 2 gennaio 2014

Rouge Bunny Rouge - Sheer lipstick in Murmurings: review

Per la prima review dell'anno ho scelto un prodotto non a caso, ma uno dei miei preferiti del 2013.

Non ricordo quanti mesi fa, tanti comunque, Rouge Bunny Rouge se ne esce con un'offerta che mi fa riflettere per... boh, un nanosecondo? Forse due. Con una spesa di 50€ veniva inviato, in omaggio, un rossetto della linea sheer, che normalmente costa 24€. In tema di rossetti, lo sapete, divento irrazionale.

Mi sciolgo come neve al sole *mandolino in sottofondo e Pino Daniele che canta*


Aggiungete un 20% di sconto che avevo in più, detraibile dalla spesa, e il danno è fatto.
In quell'occasione avevo acquistato un blush e un altro ombretto mono, dopo essermi innamorata e aver scartavetrato le parti intime al mondo intero col Bejeweled Skylark qui.

E così ho scelto Murmurings, descritto così:
Wet effect, sheer, cool damson - Like having just eaten a bowl of cherries.
(che poi  a me non si colorano le labbra dopo aver mangiato le ciliegie, ma sorvoliamo)


Ora, questo rossetto ricade nella categoria dei sheer e ad una prima passata lo è senz'altro, tuttavia è modulabile ed è lì che diventa particolarmente interessante per me, pur non raggiungendo un colore pieno; non è ovviamente - e non vuole nemmeno essere - un Amplified di Mac. Tuttavia per me è sufficientemente pigmentato per non essere catalogato come sheer.

Ha un effetto bagnato ma è estremamente confortevole sulle labbra perché non dà mai la sensazione di scivolare via, non migra. Avete presenti quei rossetti che da subito vi danno la sensazione di sfuggire via e di lasciarvi (per davvero) con la bocca in stile "mi sono appena scodellata un barattolo di marmellata alla ciliegia e non avevo fazzoletti per pulirmi"? (che poi, comunque, la prima domanda che mi verrebbe in mente è "ma come cacchio magni?") Lui no.


L'ho scelto più di una volta in occasione di alcuni colloqui di lavoro, questa è la sicurezza che mi dà. Ho anche un aneddoto che lo riguarda, visto che proprio una delle persone con cui ho sostenuto il colloquio mi fece i complimenti per il make-up ed in particolare per il trucco labbra. L'unica accortezza che ho avuto in quelle circostanze è stata quella di picchiettare il dito sulle labbra dopo averlo applicato per attenuare un po' l'effetto wet. Matita del colore delle mia labbra e via. Vi sembrerà forse un colore inusuale o apparentemente molto scuro per occasioni simili (...che poi è tutto relativo), ma per me è quasi un MLBB (My Lips But Better), non mi dà la sensazione di avere le labbra in super primo piano, in stile in your face, ecco.

Luce interna - luce esterna

Mi piace accostarlo a blush caldi, dai toni pesca, magari accompagnati da un velo di bronzer, anche perché su di me tende un po' ad accentuare la chiarezza della mia pelle. Non chiarissimissima, ma chiara sì. Non c'è bisogno di una matita trasparente per contenerlo, ma se volete usarla è solo un accorgimento in più. Per quanto riguarda la durata dipende cosa fate. Dopo aver mangiato tende a rimanere una leggera tinta sulle labbra (non va mai via a zone ma sfuma gradualmente), senza mangiare su di me può durare tre/cinque ore, dipende da quanto tempo ho avuto per metterlo e conseguentemente se ho utilizzato una matita sotto, la cipria per fissarlo, un primer... insomma, tutti prodotti che conoscete bene e che aiutano la durata del rossetto. Dimenticavo di dire che è idratante in modo superbo e non vorrei mai toglierlo. Non mi fa nemmeno mai dire "devo assolutamente applicarlo di nuovo perché me se stanno a staccà le labbra". Mai.

Io lo amo.
E lui mi ricambia :P

Che dire, ho trovato l'uomo della mia vita, a quanto pare! :D
E voi ce l'avete? Su, su, condividetelo :D
A presto!